Vajont, domani si commemorano 55 anni dalla tragedia

Erano le 22.39 del 9 ottobre 1963 quando oltre 270 milioni di metri cubi di roccia precipitarono nel bacino sottostante sollevando tre onde colossali, che travolsero e uccisero quasi duemila persone. E' la tragedia del Vajont. Due onde si schiantarono sulle pareti della vallata circostante. La terza strappò via la strada che coronava la diga e si scagliò a valle, verso Longarone. Un'onda d'urto che qualche contabile delle tragedie ha misurato di intensità paragonabile a quella della bomba atomica sganciata su Hiroshima. Il disastro rase al suolo varie e tranquille località di Erto e Casso, come la maggior parte di Longarone. Le genti che le abitavano scomparvero nel nulla, inghiottiti dai flutti e dalle macerie. Erto e Casso, due nomi, un solo comune (del pordenonese), praticamente decimato dal disastro di cui domani si commemoreranno 55 anni. Vajont: un fiume placido che si riversava in un lago voluto dalla Sade, bacino idroelettrico che s'insinuava lentamente nelle fondamenta del monte Toc.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

San Giorgio di Nogaro

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...